Quadrilateri

***QUADRILATERI***
Ci sono alcuni nodi da sciogliere sui quadrilateri: il primo riguarda proprio il rettangolo la figura che sta maggiormente sotto gli occhi dei bambini: lavagna, banco, porta, quaderno.
Il problema sorge quando si deve definire il rettangolo: il rettangolo diventa un quadrato che ha due lati più lunghi, il rettangolo diventa quindi un sottoinsieme dei quadrati mentre è vero proprio il contrario.
Un' altra relazione tormentata è quella tra rombi e quadrati: anche qui il rombo sarebbe un sottoinsieme dei quadrati, un quadrato ruotato di 45°.
Nel primo quadro si definiscono i vari sottoinsiemi dei quadrilateri mettendo a fuoco le caratteristiche principali: almeno due lati paralleli, i lati opposti uguali e paralleli ecc...
Anche il II° quadro focalizza le caratteristiche dei vari quadrilateri ma con diverso approccio: dal quadrilatero assolutamente generico (niente lati o angoli uguali e niente lati paralleli) fino al quadrato che che ha lati e angoli uguali nonché lati opposti paralleli.
Le figure che rispondono a determinate caratteristiche finiscono nel lago (galleggiano) e alla fine bisogna cercare un termine per le figure. Così si scopre che c'è una ricorsività di sottoinsiemi.
La struttura dei sottoinsiemi è meglio evidenziata nel III° quadro: dopo aver fatto seguire a ciascuna figura la propria scia bisogna dare un nome ai vari sottoinsiemi; il momento culminate è quando si colloca il quadrato nella intersezione tra rettangoli e rombi: il quadrato non è figura opposta al rettangolo: il quadrato è un rettangolo rombo cioè con tutti i lati uguali.

Attachments:
Download this file (Quadrilateri.zip)Quadrilateri.zip[ ]2013 kB

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Informazioni aggiuntive